…all’ombra del sogno…

…quindi Maia si addormentò…si sentiva luce e vapore,trascinata su un treno pieno del sussurrare vicino…una vecchia al suo fianco con grandissimi orecchini di perla le chiedeva chi fosse e perché viaggiasse sola nel limite della notte…non sapeva,sentiva di essere fuggita da qualcosa,da una strana relazione iniziata per caso.Si erano incontrati al bar della redazione in cui lei lavorava,affollato di giornalisti … Continua a leggere

…piccoli pensieri su Maia,il mare,l’avvenire e l’inizio di un nuovo viaggio…

LA giornata proponeva strane sfumature glauche e lucenti che facevano stropicciare gli occhi al risveglio.Maia si era svegliata lentamente e già da tempo il nuovo sole era un’abitudine priva di entusiasmo…le piccole luci scintillanti della Neva erano rimaste come strascico dei suoi sogni…il balenio della fuga,il desiderio di scappare senza lasciare traccia…i legami si erano sciolti,erano una schiuma amara gettata … Continua a leggere

…il cielo è azzurrissimo…

D’accordo,il cielo è azzurrissimo ed io sono qui,davanti al computer a piangermi addosso…mi fanno compagnia i piccoli ritagli di parole sul muro davanti a me(un po’ come la protagonista di in the cut,filmino con cui è iniziata l’avventura nel blog…)e non so assolutamente come trascorrere questa giornata lunga e tutta da vivere.Dove si conoscono persone nuove?…ho uno strano bagaglio di … Continua a leggere

… piccolo frammento di Madre Courage…

…Lo scrivo perché mi sembra molto bello… “lied von der Soldatenhure-canto della puttana e del soldato”… AVEVO DICIASSETTE ANNI,IL NEMICO ARRIVò AL MIO PAese. SI SFIBBIò LA SPADA DAL FIANCO,MI DETTE LA MANO DA AMICO.E DOPO I CORI DEL VESPRO DI MAGGIO è VENUTA LA NOTTE DI MAGGIO.ERA SCHIERATO IL REGGIMENTO,POI,COME USA,IL TAMBURO RULLò,POI IL NEMICO CI PORTò DIETRO LA … Continua a leggere

…l’abbandono all’alba di una nuova stagione arida e bianca…

Strinsi le mani sotto il velo scuro…/ “Perché oggi sei pallida?”/ Perché d’agra tristezza/ l’ho abbeverato fino ad ubriacarlo./ Come dimenticare?Uscì vacillando,/ sulla bocca una smorfia di dolore…/ Corsi senza sfiorare la ringhiera,/ corsi dietro di lui fino al portone./ Soffocando,gridai:”è stato tutto/ uno scherzo.Muoio se te ne vai”/. Lui sorrise calmo,crudele/ e mi disse:”Non startene al vento”.

…l’arca russa…

Tre uomini russi si sono trovati per una cena,per errore, rivelatosi successivamente fruttuoso per gli avidi stomachi dei due ospitati, dai nomi dal suono simile a starnuti…la giornata si è susseguita in un andare e venire di portate…timballi di pesce e dolci di ogni tipo;storioncini appena pescati e budini di frutta che si sciolgono in bocca…una delizia sconfinata e tutti … Continua a leggere

…l’eredità del tempo perduto…

…Due donne di mezz’età trascorrono il pomeriggio nell’attesa del diavolo che verrà…le ho viste di nascosto e scrutavo le rughe marcate dall’inquietudine di un’attesa esiziale.Passeggiavo su quella collina,assorta nelle prime luci della primavera ed annusavo gli odori delle camelie sanguigne, che esplodono come piccole bombe per l’iride assetata di nuovi colori…ma un sentore più strano mi ha condotta verso il … Continua a leggere

gonne nere scorrono sulla neve…

Un film giapponese mi ha folgorato per la sua natura bellissima ed indifferente…gonne nere strisciavano lente e dolorose in un male di vivere che non riesco a percepire profondamente…mi ricordava un libro letto tempo fa-“il paese delle nevi”-,con le stesse ombre di due innamorati proiettati su di uno scenario bianchissimo e gelido…ma prima il regista mi avava ipnotizzata con foglie … Continua a leggere

Je voudrais vivre avec toi…

Vorrei vivere con te questa giornata di luce bianca…guidavo veloce,poco fa,e le montagne sembravano così vicine ed innevate…avrei potuto quasi toccarle se solo avessi allungato le mani;ma tu non eri vicino a me- non me ne hai dato la forza.Sto vivendo un melò,ma l’atmosfera che amo di più nell’inizio del secolo è la secessione,con le sue oscure atmosfere,le sue linee … Continua a leggere

Le onde stanno per frangersi sulla spiaggia…

Le onde stanno per frangersi sulla spiaggia,mentre questa stanza sembra essere al centro della terra,scavata nel cuore della notte eterna…al di fuori le linee sembrano aderire ai nostri corpi…la luce della sera porta calore che fa riposare gli occhi ed il cuore…dopo le liti e le riconciliazioni ho bisogno di star sola-sola con te,per mettere un po’ d’ordine in questo … Continua a leggere