…saraband…

Marianne e johan trent'anni dopo nei ritagli di fotografie ingiallite e nella vigorosa malinconia di un corpo invecchiato che dorme all'oscurità della passione…una giovane violoncellista che versa lacrime rabbiose e tragicamente dolorose sul pentagramma di una sonata impostale dalla tirannia paterna…conosco quelle lacrime e riconosco i due ...corpi che una notte si erano trovati adulteri e fedeli in una casa un tempo posseduta ,riscoprendo  fugacemente l'amore oltre le istituzioni borghesi,dietro la maschera avvilente del matrimonio…mi domandavo come sarebbe finita,se entrambi non si sarebbero più separati e fantasticavo ,sulla scia di un finale sospeso…non so se il proseguimento di una trama amata sia una scelta giusta,perche priva del sogno prolungato,dell'interpreta zione,inscatolando nel categorico l'immaginazione ed il sogno che sono propri del cinema…come un finale ancorra sospeso al tramonto parigino agognato dal regista di un film che mi ha accompagnato come sogno ed ideale per tutta la mia adolescenza…un film leggero e terribilmente romantico di due giovani magnifici a vienna una notte d'estate,che mi hanno lasciatomsognare sulla probabilità che un nuovo incontro nel giorno della mia nascita sarebbe potuto nuovamente accadere…invece tutto è stato troppo pronunciato,sebbene ricco di strane coincidenze parigine e di librerie dall'insegna gialla davanti ad una cattedrale, palcoscenico personale del mio malinconico sogno passionale e romantico…ma le coincidenze,il troppo detto hanno rovinato la poesia del mio sognare,hanno distrutto la poetica interiore che mi legava indelebilmente a trame sigillate nella pellicola e nel sogno…

…saraband…ultima modifica: 2004-12-10T08:58:19+01:00da aglaja-hall
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “…saraband…

  1. Tu scrivi bene, Aglaja, ma io avverto un continuo eludere il punto, una serie di punti e virgola, per usare le metafore musicali che a te piacciono i tuoi post lasciano sospesi in una cadenza sulla dominante che non risolve mai… potrei dire che è la tua cifra, e anche l’aspetto intrigante del tuo modo di scrivere, anzi lo dico, per quello che vale il punto di vista di chi commenta un post… saluti

Lascia un commento