gonne nere scorrono sulla neve…

Un film giapponese mi ha folgorato per la sua natura bellissima ed indifferente…gonne nere strisciavano lente e dolorose in un male di vivere che non riesco a percepire profondamente…mi ricordava un libro letto tempo fa-“il paese delle nevi”-,con le stesse ombre di due innamorati proiettati su di uno scenario bianchissimo e gelido…ma prima il regista mi avava ipnotizzata con foglie … Continua a leggere

Je voudrais vivre avec toi…

Vorrei vivere con te questa giornata di luce bianca…guidavo veloce,poco fa,e le montagne sembravano così vicine ed innevate…avrei potuto quasi toccarle se solo avessi allungato le mani;ma tu non eri vicino a me- non me ne hai dato la forza.Sto vivendo un melò,ma l’atmosfera che amo di più nell’inizio del secolo è la secessione,con le sue oscure atmosfere,le sue linee … Continua a leggere

Le onde stanno per frangersi sulla spiaggia…

Le onde stanno per frangersi sulla spiaggia,mentre questa stanza sembra essere al centro della terra,scavata nel cuore della notte eterna…al di fuori le linee sembrano aderire ai nostri corpi…la luce della sera porta calore che fa riposare gli occhi ed il cuore…dopo le liti e le riconciliazioni ho bisogno di star sola-sola con te,per mettere un po’ d’ordine in questo … Continua a leggere

…la luce del tramonto infuoca le montagne al confine del mondo…

…questa notte nel mio sogno mi sono arrampicata lungo le zampette sottili e nodose di elefanti delle tentazioni di sant’Antonio e fagioloni catalani aprivano le loro bocche pronunciando gli strani desideri che mi percuotono attraverso i diari di Anais Nin…e volavo stranita,mentre i miei piedi prendevano improvvisamente fuoco al confine del mondo…l’universo in bianco e nero diventa dorato e le … Continua a leggere

L’ISOLA cobalto del principe miskin…

…seduta sulla sponda del lago penso ad un destino edipico e primitivo che mi arrende su un’isola lontana…sono la figlia di un generale e vivo con due sorelle dalla mia stessa iniziale,ma il mio destino è europeo e vorrò abbandonare l’arca della mia patria alla deriva…il confine russo disperso nei francesismi e nella compravendita di anime morte…ma la nebbia mi … Continua a leggere

…la prima poesia letta al profumo della primavera…

La porta è socchiusa, dolce respiro dei tigli…/Sul tavolo,dimenticati,/un frustino ed un guanto./Giallo cerchio del lume…/tendo l’orecchio ai fruscii./Perché sei andato via?/non comprendo…/Luminoso e lieto/domani sarà il mattino /Questa vita è stupenda,/sii dunque saggio,cuore./Tu sei prostrato,batti/più sordo,più a rilento…/Sai,ho letto /che le anime sono immortali.

…una serata tra fumo e parole…

…profumo di intimità stantia in quella soffitta…piccola isola nella periferia nevosa e soleggiata.Abbiamo voglia di fuggire,ma qualcosa ci trattiene qui,in una notte senza pretese,di intimità del tutto nuova per me…siamo legati a fili di parole ed i nostri orizzonti sono adesso fiumi in piena. Tutto è sfocato nella mia mente,forse per il dolce nettare rosso di cui mai mi sazio … Continua a leggere

…viaggio al termine della notte…

…alla fine il mio viaggio breve si è concluso ed il ritorno è stato circolare,in una nuova bufera di neve…dopo il film francese mi sono immersa nella nuova partenza,visto che anche le immagini sullo schermo si sono concluse con una storia d’amore troncata all’alba e una nuova malinconia mi ha travolta.Sono uscita da quel cinema umido di periferia, ho acceso … Continua a leggere